STRAGE IN GIAPPONE: IL MONDO è A RISCHIO

Pubblicato il da naturalista d'oro

Ragazzi, è da un pò che non scrivevo e di certo non potevo trlasciare la tragedia successa in Giappone: ecco un articolo preso da tiscali:

Continua l'incubo nucleare in Giappone: un nuovo incendio è scoppiato nella centrale nucleare di Fukushima-1, gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso. Le fiamme sono divampate presso il reattore numero quattro per poi spegnersi da sole, mentre un nuovo problema è sorto anche nel reattore numero 3, dove si è innalzata una nube di fumo. Secondo fonti del governo di Tokyo, la capsula di contenimento di quest'ultimo reattore potrebbe essere non più integra. E forse proprio per questo si registrano alti livelli di radioattività, che impediscono agli elicotteri anti-incendio di avvicinarsi al reattore 4 che deve esser raffreddato per evitare il rischio di fusione. Per gli esperti la vasca che contiene il combustibile esausto costituisce la "principale preoccupazione", dato il rischio di contaminazione radioattiva "direttamente nell'atmosfera". Per l'alto livello di radioattività i 50 tecnici specializzati che da martedì eroicamente sono rimasti soli a fronteggiare la catastrofe sono stati evacuati, ma sono poi potuti rientrare al lavoro. A cinque giorni dal devastante sisma/tsunami che ha provocato la crisi nella centrale di Fukushima, anche l'imperatore Akihito è comparso in tv - evento eccezionale per un sovrano nipponico - per dare il suo supporto morale alla popolazione: "Prego per la sicurezza del maggior numero di persone possibile" ha detto Akihito. La situazione intorno alla centrale è grave ma la città di Tokyo sembrerebbe viva e sicura. Secondo gli esperti stranieri in Giappone: "Nel peggior caso ragionevolmente prevedibile l'impianto di Fukushima emetterebbe una nube non oltre i 500 metri di altezza, che ricadrebbe al suolo nelle vicinanze della centrale". La zona di sicurezza di 20 chilometri di raggio imposta dalle autorità nipponiche appare quindi "completamente adeguata". Nel frattempo, il bilancio del terremoto/tsunami che venerdì scorso ha devastato il nordest del paese s'aggrava sempre più. Secondo i dati diffusi dal dipartimento di Polizia, tra morti e dispersi si è arrivati oltre la quota dei 20mila. La diretta:
19:01 - A Fukushima rischio valanghe - Venti forti in prossimità della costa, nevicate e rischio valanghe: la regione di Fukushima è nella morsa del maltempo, secondo le previsioni più recenti diffuse dall'Agenzia Meteorologica Giapponese (Jma) e aggiornate alle 19,40 (orario del Giappone) di oggi. Nella zona costiera di Okuma, in cui si trova la centrale di Fukushima 1, si prevedono venti forti e cielo nuvoloso. Nelle province circostanti le previsioni avvisano invece della possibilità di valanghe e forti nevicate con una probabilità di piogge in serata pari al 30%. Tuttavia al momento non è stata lanciato alcun allerta. Le previsioni per domani sono in leggero miglioramento, con un cielo parzialmente nuvoloso, probabilità di piogge ancora del 30% e temperature comprese fra i meno 2 gradi delle prime ore del mattino e 4 gradi.
19:00 - Clinton: "Riflessioni sul nucleare anche negli Usa" - "La crisi giapponese ci pone di fronte alla questione dei rischi e dei costi dell'energia nucleare". Lo ha dichiarato oggi Hillary Clinton, in un discorso più ampio sull'energia. E' il primo membro dell'amministrazione Usa ad esprimere una posizione critica nei confronti del nucleare. Finora il ministro dell'Ambiente usa ha definito il nucleare americano "sicuro" e la Casa Bianca continua a includere l'atomo nelle "opzioni energetiche"
18:38 - La radicale Zamparutti: "Il nucleare non conviene" -  "Al di là delle ideologie, quella sul nucleare è una questione innanzitutto economica: 30 miliardi di euro per soddisfare appena il 4% dei consumi finali di energia". Lo dice Elisabetta Zamparutti, deputata dei Radicali, chiedendo di fermare il decreto legislativo sulla localizzazione e realizzazione delle centrali nucleari.
18:23 - Vendola: "Nucleare in Puglia? Solo con i carri armati" - Se il governo deciderà di costruire delle centrali nucleari in Puglia dovrà farlo con l'aiuto dei carri armati. Così il governatore della Regione Puglia Nichi Vendola a margine di un convegno alla Bocconi. "Ho già detto a suo tempo che devono fare un nuovo appalto e che devono comprare una nuova generazione di carri armati per pensare di poter raggiungere la Puglia per aprire qualche cantiere nucleare", ha dichiarato Vendola.
18:12 - Radiazioni giapponesi? Un millesimo di Chernobyl - Le radiazioni emesse nell'atmosfera in seguito all'esplosione nella centrale nucleare di Fukushima sono inferiori a un millesimo di quanto emesso durante l' incidente di Chernobyl. Lo rivela uno studio preliminare condotto dagli esperti del gruppo di ricerca sul nucleare dell' Università di Pisa.
18:04 - Bruno: "Ripartano le rinnovabili" - "Anzichè prendere in giro gli italiani, il governo faccia ripartire le rinnovabili". Lo chiede il senatore Franco Bruno di Alleanza per l`Italia, che aggiunge: "O il sottosegretario Saglia ci stando una notizia, oppure le sue parole suonano come una beffa. Altrimenti ci spieghi, se lo sa, quali sarebbero queste regioni in Italia disposte ad ospitare centrali nucleari, perché fino ad ora abbiamo assistito ad un gara per tirarsene giustamente fuori".
17:35 - L'Italia paese a rischio sismico - L'Italia è uno dei quattro paesi dell'Ue a più alto rischio sismico (terremoti oltre i 7 gradi della scala Richter), e dovrà rispettare quindi criteri di sicurezza più rigorosi degli altri se davvero tornerà a costruire centrali nucleari nel proprio territorio.
17:30 - Alitalia, prezzi troppo alti: gli italiani protestano - Gli italiani residenti in Giappone denunciano i prezzi troppo alti praticati da Alitalia a chi deve partire dalla nazione colpita dal sisma e dallo tsunami e rientrare in Italia e la compagnia di bandiera risponde con una tariffa agevolata di sola andata, anche per chi è senza prenotazione, e con un rimborso fino a 130 euro per chi, in possesso di una prenotazione per un volo da Tokyo, deve raggiungere Osaka, unico aeroporto da cui verranno operati i voli "per garantire la massima regolarità dei collegamenti" .
17:22 - Libé: "Posizione di Saglia? Una presa in giro degli italiani" -  "Sulla scelta nucleare si può essere in accordo o meno, ma una cosa è certa: se la posizione del Governo è quella del sottosegretario Saglia, è una pura presa in giro degli italiani". Lo dichiara in una nota il deputato Udc Mauro Libé, segretario della Commissione Ambiente di Montecitorio.
17:18 - Gli amministratori del Pdl vorranno il nucleare in casa? -  "Chiedo ai sindaci e agli amministratori di Pdl e Lega, a Tosi, a Scopelliti, alla Moratti a Zaia se loro diranno di si al nucleare. Vorrei sapere chi di loro avrà il coraggio di andare dai propri elettori per comunicargli che a pochi chilometri da casa si farà una bella centrale nucleare o un sito di stoccaggio dei rifiuti radioattivi". Lo ha dichiarato Davide Zoggia, responsabile Enti locali del Pd.
17:12 - Ventimila le persone disperse - Sono probabilmente almeno 20mila le persone disperse nella prefettura nord-orientale di Miyagi in seguito al sisma e allo tsunami che hanno devastato il Giappone venerdì. Lo riferiscono le autorità locali citate dalla Kyodo.
17:08 - Il governo francese dice no al referendum - Si arroventano le polemiche in Francia sull'energia nucleare: dopo la catastrofe radioattiva in Giappone i gruppi ecologisti hanno chiesto un referendum per abbandonare l'atomo. Richiesta già respinta dal governo che però non sminuisce gli allarmismi, anzi sembra quasi alimentarli visto che è stato proprio il ministro del Bilancio e portavoce dell'esecutivo, Francois Baroin, ad affermare che nella "peggiore delle ipotesi" l'incidente a Fukushima potrebbe risultare anche più grave di quello di Cernobyl.
16:59 - Gli Usa forniranno pompe d’acqua al Giappone - Gli Stati Uniti forniranno ai giapponesi pompe d'acqua ad alta pressione per combattere gli aumenti di temperatura nella centrale nucleare di Fukushima, ha annunciato il Pentagono
16:48 - Commissione Ue: necessarie analisi sui cibi - La Commissione europea ha raccomandato agli Stati membri "di effettuare delle analisi sul livello di radioattività nei prodotti alimentari per l'uomo e per gli animali, importati dal Giappone". Lo ha detto all'Ansa Frederic Vincent, portavoce del commissario europeo alla salute John Dalli, precisando che Bruxelles ha notificato già da ieri la raccomandazione alle autorità responsabili nei 27 Stati membri, tramite il sistema rapido di allerta comunitario per alimenti e mangimi.
16:44 - Onu, Ban Ki-Moon rinnova l'offerta di aiuto - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto in Giappone, mentre il Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, ha rinnovato al Giappone l'offerta di aiuto dell'Onu per affrontare la crisi nucleare innescata dagli incidenti nella centrale di Fukushima.
16:40 - Ue, Oettinger: a Fukushima "una vera catastrofe" - Il commissario europeo per l'Energie, Guenther Oettinger, si è detto nuovamente molto preoccupato dalla situazione nella centrale nucleare giapponese di Fukushima, parlando di "vera catastrofe" e ribadendo che la situazione non sembra affatto sotto controllo. "Si può dire che questa centrale non è più controllata, non c'è più chi la controlla", ha spiegato Oettinger dinanzi alla Commissione per l'Energia del Parlamento europeo a Bruxelles. Già ieri Oettinger aveva parlato di uno scenario "apocalittico". "I giapponesi lavorano con pompe anti-incendio, si prova a gettare acqua con idranti, non si sa più come venirne fuori", "è una vera catastrofe", ha commentato il commissario europeo.
16:36 - Ambasciata italiana: venti spingono nube tossica verso Pacifico - Questa notte le previsioni meteorologiche per la regione di Fukushima segnalano venti moderati in direzione sud-est che dovrebbero portare nubi ed eventuali materiali radioattivi rilasciati dalla centrale nucleare verso l'Oceano Pacifico. Lo riferisce l'ambasciata d'Italia a Tokyo tramite il sito internet del ministero degli Esteri.Nella mattina e nel pomeriggio del 17 marzo venti moderati continueranno a spirare in direzione sud-est, allontanando verso il Pacifico nubi ed eventuali materiali radioattivi, si aggiunge. Nella notte tra il 17 e il 18 marzo venti moderati dovrebbero spirare in direzione est verso l'Oceano Pacifico, informa ancora l'ambasciata italiana.
16:25 Ue: allerta import cibo, stati facciano analisi  - La Commissione europea ha raccomandato agli Stati membri "di effettuare delle analisi sul livello di radioattività nei prodotti alimentari per l'uomo e per gli animali, importati dal Giappone". Lo ha detto all'Ansa Frederic Vincent, portavoce del commissario europeo alla salute John Dalli, precisando che Bruxelles ha notificato già da mercoledì la raccomandazione alle autorità responsabili nei 27 Stati membri, tramite il sistema rapido di allerta comunitario per alimenti e mangimi (Rasff).
16.15 - Romani: Priorità ora è sicurezza dei cittadini europei - "Mercoledì a Bruxelles parleremo del problema della sicurezza. Per l'Italia il problema sono le centrali nucleari vicine al confine. Dobbiamo essere sicuri che le centrali esistenti in Europa, circa 150, garantiscano la sicurezza dei cittadini europei". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo, Paolo Romani.
15:50 - Si temono oltre 10.000 dispersi solo a Ishinomaki - Potrebbero essere almeno 10.000 le persone scomparse nella città di Ishinomaki, nella prefettura di Miyagi, l'area più colpita dal sisma di venerdì scorso e dal successivo tsunami, nel Giappone nord-orientale. Lo ha riferito il sindaco della città. Non è chiaro se questo dato sia in tutto o in parte già contemplato nel bilancio ufficiale fornito dal dipartimento di polizia nipponico, che alle 20 locali (ore 12 in Italia) attestava un numero di morti e dispersi di oltre 12.400.
15:45 - Germania invita tedeschi a lasciare regione Tokyo - Le autorità di Berlino hanno invitato tutti i tedeschi a lasciare la regione di Tokyo a causa dell'aggravarsi della crisi nucleare nel nord del Giappone.  "Invitiamo tutti i tedeschi a lasciare la regione di Tokyo e Yokohama in direzione di Osaka o di lasciare il paese passando per Osaka" nel sud del Giappone, ha dichiarato Andreas Peschke, portavoce del ministero tedesco degli Affari esteri.
15:30 - La morsa del freddo si stringe sugli sfollati - Le previsioni del tempo prevedono freddo e neve. A Ishimaki, nella prefettura di Miyagi, il sito internet del quotidiano Asahi shinbun racconta che si sono accumulati diversi centrimetre di neve. Circa 270 persone si sono raccolte in un piccolo edificio senza alcun riscaldamento. "Ci sono bambini che hanno preso il raffreddore. Dal momento che per le coperte abbiamo dato priorità agli anziani, molti giovani si raccolgono vicino a un focherello", racconta un operaio edile 52enne. A sentire le richieste degli sfollati attraverso il canale televisivo TBS, si tratta delle stesse cose che già si chiedevano il primo giorno: cibo, coperte, pannolini per i bambini, farmaci.Ma soprattutto coperte, perché nel Tohoku il freddo è davvero freddo.
15:20 - Il 20% dei reattori è costruito in aree sismiche - Non c'é solo il Giappone, costretto dalla sua posizione geografica proprio in mezzo alla 'cintura di fuoco' dei terremoti, ad aver costruito le proprie centrali nucleari in aree sismiche. Un reattore su cinque attualmente in attività si trova in zone dove prima o poi potrebbe avvenire un scossa forte, anche se non quanto quella che ha sconvolto il paese asiatico in questi giorni, e proprio le conseguenze del terremoto sull'impianto di Fukushima ha cominciato ad instillare il dubbio sui criteri di costruzione in alcuni scienziati. Il dato sui reattori a rischio sismico, il 20% dei 440 tuttora in funzione, è fornito da un documento della World Nuclear Association, che riunisce i principali costruttori. Per quanto riguarda l'Europa invece nessuna delle centrali sorge in zone considerate a rischio, tranne alcuni reattori sperimentali nel Sud est della Francia.
15:06 - Contro radiazioni, in campo anche un robot - Il ministero dell'Educazione e della Ricerca giapponese ha messo a disposizione della compagnia elettrica Tokyo denryoku (Toden) un robot per il monitoraggio delle radiazioni nei punti in cui è pericoloso per gli operatori andare. Lo scrive il sito internet del quotidiano Asahi shinbun. "Ha preso parte in precedenza a esercitazioni, ma è la prima volta che viene utilizzato in un'operazione reale", sostiene in un comunicato il Centro di tecnologia per la sicurezza nucleare di Tokyo, che ha sviluppato il robot. Il robot è alto 150 centimetri, lungo altrettanto e ha uno spessore di 80 centimetri. Pesa 600 chilogrammi. Ha la forma di un'automobile di piccola taglia ed è telecomandato.
15:03 - Usa inviano due autocisterne militari a Fukushima - Due autocisterne militari americane sono state inviate in Giappone nell'ambito degli sforzi profusi per raffreddare i reattori della centrale nucleare di Fukushima-1, che ha subito seri danni a seguito del terremoto di venerdì scorso e del successivo tsunami. Secondo quanto si è appreso da fonti statunitensi, citate dalla Cnn, le due autocisterne non saranno gestite da personale militare statunitense ma da dipendenti della Tokyo Electric Power Company, che operano presso la centrale nucleare.
14:38 - Iodio e vino, la Russia a caccia di rimedi antiatomici - L'imprevedibilità della situazione alla centrale nucleare di Fukushima continua ad alimentare panico e terrore tra i russi dirimpettai del Giappone. La gente crede a ogni possibile rimedio per arginare il rischio contaminazione: vino, iodio e alghe sembrano i ritrovati migliori, con le autorità che invitano alla calma garantendo che i livelli di radioattività sono nella norma. "Quella del rischio contaminazione è una voce falsa e assurda" ha detto oggi in conferenza stampa Taimuraz Kasaev, capo della protezione civile nella regione di Sakhalin l'isola russa più vicina al nord del Giappone dopo l'arcipelago delle Curili. "Anche nelle peggiori condizioni climatiche - ha spiegato, come riporta Ria Novosti - nelle nostre regioni del `lontano oriente' on arriveranno percentuali tali di radioattività da rappresentare una seria minaccia". Rassicurazioni che non convincono i cittadini.
14:26 - L'Ue: "Lunedì Consiglio straordinario dei ministri dell'Energia" - Lunedì prossimo a Bruxelles si svolgerà una riunione straordinaria del Consiglio dei ministri dell'Energia Ue. Lo si è appreso da fonti della presidenza di turno ungherese dell'Ue.
14:24 - Francia: "Nel peggiore degli scenari più impatto di Chernobyl" - Il portavoce del governo francese François Baroin ha dichiarato che "nel peggiore degli scenari" l'emergenza nucleare in corso presso la centrale nucleare Fukushima-1, danneggiata dal devastante terremoto/tsunami di venerdì scorso, avrebbe "un impatto superiore a Chernobyl". Interpellato sulle dichiarazioni del ministro dell'Ecologia Nathalie Kosciusko-Morizet, che aveva affermato all'uscita del Consiglio dei ministri che "lo scenario peggiore è possibile e anche probabile", Baroin ha risposto che il ministro ha "effettivamente parlato della situazione, della sua evoluzione da venerdì, delle difficoltà delle autorità giapponesi a ottenere un raffreddamento rapido dei diversi reattori".
14:22 - Sendai, aperta prima "area sicura a misura di bambino" - Save the Children ha allestito e iniziato le attività nella prima area sicura a misura di bambino a Sendai, una delle città maggiormente devastate. La città si trova nella prefettura di Miyagi, la cui popolazione è composta per quasi il 20% da minori, circa 460.000 bambini e ragazzi da 0 a 18 anni che stanno facendo i conti con il trauma subito. L`area sicura a misura di bambino è all`interno di una scuola elementare che attualmente ospita un centro di evacuazione e oggi ha già accolto i primi bambini dai 5 ai 12 anni. Supportati dal personale specializzato di Save the Children, i bambini potranno svolgere attività ludico-ricreative per cercare di recuperare quel senso di normalità che consentirà loro di affrontare e, col tempo, superare la paura e l`insicurezza derivante dal trauma subìto.
14:21 - Ishinomaki: "Non sappiamo dove mettere i corpi" - Ishinomaki è una zona di Sendai in cui potrebbero esserci oltre 10 mila morti. In Giappone è diffusa la pratica della cremazione, ma il forno locale accetta al massimo 18 corpi al giorno. Ci vorrebbero 500 giorni per tutte le vittime, e l'amministrazione pensa a sepolture comuni. Per ora i corpi sono all'interno di scuole, riconvertite ad obitori.
14:10 - Protesta contro Alitalia: tariffe care per chi rientra - Un gruppo di 120 italiani residenti con le loro famiglie in modo stabile in Giappone ha denunciato "il trattamento commerciale inqualificabile riservato ai connazionali residenti da Alitalia. La nostra compagnia aerea di bandiera, - ha denunciato il forum - sta applicando prezzi eccezionali gravati di tutti i rincari possibili sulla base dell'urgenza a persone e intere famiglie, che partono sapendo di dover lasciare anche una vita intera alle proprie spalle".
13:35 - Centri europei trapianto midollo pronti ad aiutare vittime di radiazioni - Il Gruppo europeo per il trapianto di midollo osseo (Ebmt) ha chiesto ai 500 centri europei di trapianto del midollo di tenersi pronti per aiutare le vittime di radiazioni in Giappone, se ce ne fosse bisogno, e ha già messo in allerta i suoi membri, tra cui 3000 medici delle unità specialistiche. A riportarlo è la Bbc.
13:21 - Kyodo, nessun danno grave alla gabbia del reattore 3 - L'agenzia Kyodo annuncia che non vi sarebbe alcun danno grave alla gabbia di contenimento del reattore 3 della centrale di Fukushima 1.
13:20 - Croce rossa internazionale inizia raccolta fondi - La Federazione internazionale della Croce rossa e della Mezzaluna rossa ha annunciato che metterà in campo una raccolta di fondi per aiutare il Giappone devastato venerdì da un terremoto/tsunami. "La Croce rossa giapponese apprezza molto la solidarietà internazionale che comincia a manifestarsi", ha dichiarato il responsabile della federazione Matthias Schmale. "La preferenza - ha continuato - va verso le donazioni in denaro che possono essere indirizzate direttamente alla Croce rossa giapponese o alla federazione internazionale. Noi mettiamo in piedi un meccanismo che faciliterà questo processo". La federazione non ha diffuso ancora un annuncio ufficiale, perché le donazioni ricevute finora sono già importanti. "Noi - ha continuato - ci attendiamo di raccogliere una certa cifra da destinare a formare una base solida per rispondere ai primi bisogni".
13:18 - Si pensa ad autopompa per raffreddare il reattore 4 - Le autorità giapponesi stanno valutando l'ipotesi di utilizzare un'autopompa per raffreddare il reattore numero quattro della centrale nucleare di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso: lo ha reso noto la televisione di Stato Nhk.
13:17 - Cannoni ad acqua per raffreddare il reattore 4 - Il Dipartimento della polizia giapponese sta pensando di impiegare uno speciale cannone ad acqua collegato a un'autocisterna per raffreddare la vasca di contenimento del combustibile spento nel reattore 4 della centrale di Fukushima 1. Lo hanno affermato fonti della polizia, secondo quanto riporta l'agenzia Kyodo. L'operazione potrebbe avere inizio entro la serata.
13:12 - Da Banca del Giappone altri 5.000 miliardi di yen - La Banca del Giappone continua ad immettere liquidità supplementari nel circuito interbancario, puntando a sostenere le banche presenti nelle aree più devastate da terremoti, tsunami e ora anche dal disastro nucleare e radioattivo che attanaglia l'Arcipelago. Oggi l'istituto centrale ha riferito di aver immesso altri 5.000 miliardi di yen nel circuito interbancario, o 44 miliardi di euro, dopo i 23.000 miliardi immessi tra lunedì e ieri. Il totale di liquidità immesse nel dopo cataclisma sale quindi a 28.000 miliardi di yen, circa 245 miliardi di euro. Parallelamente dopo il terremoto la Bank of Japan aveva anche annunciato un aumento di 5.000 miliardi di yen sul suo programma di acquisti di titoli finanziari, una manovra che serve a sostenere gli aggregati di domanda. Infine ha confermato i tassi di interesse praticamente a zero, sullo yen si attestano in una forchetta tra lo zero e lo 0,1 per cento. Oggi la Borsa di Tokyo ha registrato un rimbalzo del 5,68 per cento dell'indice Nikkei, dopo la caduta di oltre il 10 per cento di martedì.
13:07 - L'Oms: "Cibi a rischio solo in zona Fukushima" - L'unico rischio di contaminazione è per i prodotti alimentari giapponesi che provengono dall'area immediatamente vicina all'impianto nucleare danneggiato di Fukushima. ''Un rischio territoriale molto specifico -ha detto il portavoce dell'Oms di Ginevra Gregory Hartl-. Se dovesse esserci una qualche contaminazione, sarebbe solo nei prodotti nel raggio di 30 chilometri'' dalla centrale. Hartl ha aggiunto che l'Organizzazione mondiale della Sanità sta collaborando con l'Aiea e con la Fao per raccogliere maggiori informazioni sui rischi.
13:06 - Nucleare, Saglia: "Andiamo avanti, ma solo nelle regioni favorevoli" - Il governo italiano andrà avanti sulla strada del ritorno al nucleare. Ma "non si potranno realizzare le centrali nucleari nelle regioni che si esprimeranno negativamente sulla localizzazione degli impianti nel loro territorio". Lo ha affermato il sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, nelle commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera. Il programma energetico nucleare non potrà essere realizzato in assenza di una totale condivisione delle comunità territoriali coinvolte", ha precisato Saglia, il quale ha aggiunto però che non è questo il "momento più opportuno per modificare le decisioni di politica energetica" sull'onda dell'emozione di quanto accaduto in Giappone.
12:55 - In giornata un volo speciale Alitalia per il rientro del Maggio Musicale Fiorentino - Partirà, oggi, in serata da Fiumicino il volo speciale Alitalia richiesto dal Comune di Firenze per consentire il rientro del Maggio Musicale Fiorentino sull'aeroporto di Pisa. A riferirlo è la compagnia aerea in una nota.
12:46 - Neve e freddo aggravano la situazione - Non bastava il terremoto, il successivo tsunami e la paura nucleare a creare caos in Giappone. A render più complicati i soccorsi, come anche la resistenza dei sopravvissuti, ci si mette anche il maltempo: in alcune aree del paese sta infatti nevicando.
12:40 - Fukushima, evacuate 185.000 persone - Sono 185.000 le persone finora evacuate nella zona compresa entro 20 chilometri dalla centrale giapponese di Fukushima 1. A quanto si apprende da fonti italiane, l'evacuazione nel raggio di 20 chilometri è stata completata ieri, mentre nell'area compresa fra 20 e 30 chilometri le autorità locali raccomandano alla popolazione di restare al chiuso. Nel frattempo sono state distribuite alla popolazione 260.000 dosi di iodio stabile, ma il governo non ne ha ancora prescritto di assumerle. La popolazione non risulta al momento esposta a dosi elevate e le dosi di radioattività rilevate nella zona attorno alle centrali variano a 4 a 240 microsievert/ora (il valore normale è di 0,03 microsievert/ora).
12:30 - Alitalia, previste anche tariffe agevolate - La Farnesina informa che prosegue - attraverso l`Unità di Crisi - il costante coordinamento con l`Alitalia per assicurare ai connazionali che non abbiano imprescindibili ragioni per rimanere, la possibilità di lasciare il Paese. E' stata introdotta la possibilità di acquistare biglietti di sola andata senza prenotazione, usufruendo di una speciale tariffa agevolata istituita per l'occasione. Possibili rinforzi dei voli potranno essere attuati se necessario". L`Ambasciata d`Italia a Tokyo e l`Unità di Crisi della Farnesina restano operative 24 ore su 24 non soltanto per continuare a raccogliere e riscontrare segnalazioni di connazionali, ma anche per modulare la risposta ad eventuali nuove esigenze della nostra comunità in Giappone. La cellula di pronta risposta costituita ad hoc presso la nostra sede diplomatica resta a disposizione per continuare a fornire informazioni qualificate sulle condizioni di sicurezza e sulle possibilità di rimpatrio offerte.
12:27 - Fukushima, integri tutti e quattro i contenitori dei nocciolo - Sono integri tutti e quattro i contenitori primari (vessel) che racchiudono il nocciolo dei reattori 1, 2, 3 e 4 della centrale di Fukushima. A quanto si apprende da fonti italiane, secondo l'esercente della centrale (Tepco), l'Autorità per la sicurezza nucleare e industriale (Nisa) e il governo giapponese la funzione di contenimento dei quattro reattori non è stata pregiudicata e i contenitori primari sono integri.
12:26 - Negozi presi d'assalto - I principali rivenditori nipponici stanno varando misure eccezionali per venire a capo della crescente scarsità di generi alimentari e altri prodotti. Nella grande area metropolitana di Tokyo, che conta circa 35 milioni di abitanti, le catene di supermercati e convenience store, gli spacci aperti a orario continuato, sono presi d'assalto - pur sempre nella più assoluta compostezza - per i generi di alimentari di prima necessità come acqua, riso e cibi a lunga conservazione.
12:18 - Nucleare, Diliberto: "Governo irresponsabile, impediremo costruzione centrali" - Il nucleare va fermato, il governo è irresponsabile. Lo ha detto Oliviero Diliberto, portavoce nazionale della Federazione della sinistra. "Per il commissario europeo per l`energia - ha ricordato - è un`'apocalisse'. La Germania chiude i suoi 7 reattori più vecchi. La Lituania blocca il progetto di una nuova centrale. La Russia parla di una 'revisione completa' del nucleare. Da noi, invece, la ministra dell`ambiente signora Prestigiacomo consiglia di non lasciarsi prendere dall`emotività. E le fanno eco tutti i ministri del governo Berlusconi, senza eccezione alcuna. Sono degli irresponsabili egocentrici che pensano di governare l`Italia come il giardino di casa loro". "Il nucleare - ha insistito Diliberto - va fermato. Impediremo che siano costruite centrali in Italia e lo faremo con tutti i cittadini italiani attraverso il referendum".
12:17 - Nucleare, la Lega frena. Reguzzoni: "Giusto e opportuno discuterne" - "E' giusto e opportuno discutere di tutto, anche del nucleare". Così il presidente dei deputati della Lega, Marco Reguzzoni, ha commentato le dichiarazioni del ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, che ieri aveva definito "inimmaginabile" un passo indietro del governo italiano sull'atomo. "E' importante - ha rilevato il capogruppo del Carroccio a Montecitorio - fare un dibattito sereno. Le scelte spettano ai territori e devono essere consapevoli".
12:16 - La Francia richiama in patria Tv e radio - I media francesi hanno annunciato di aver richiamato la maggior parte dei loro giornalisti che si trovano in Giappone. E' il caso di Radio France, che ha deciso di far rientrare sette dei suoi reporter "il più presto possibile", mentre ne resterà sul posto solo uno che lavora come free lance per diverse testate. Due equipe di I-Telé e due inviati speciali di BFM, radio e televisione, stanno raggiungendo Osaka dove prenderanno un aereo per Parigi. La maggior parte dei giornalisti che resteranno in Giappone stanno lasciando Tokyo per Osaka. Una quindicina di persone delle reti pubbliche France 2 e France 3 sono già nella città del sud. "Ma di fronte ad un'eventuale accelerazione degli eventi, tutti rientreranno il più presto possibile", ha riferito la direzione di France Television.
12:15 - Ambasciatore italiano: "Problema centrali esiste" - A cinque giorni dal terremoto ''il problema delle centrali c'è, eccome''. Lo dice l'ambasciatore italiano a Tokyo, Vincenzo Petrone, e spiega: ''Risolvono un problema e se ne apre un altro, gli interventi che hanno fatto finora sono di contenimento, dal punto di vista dell'estensione del problema, però non sempre riesce''.
12:14 - La Farnesina: "Costante coordinamento con Alitalia" - "Alla luce dell'evoluzione della situazione in Giappone, che il Ministro Frattini continua a seguire direttamente e senza soluzione di continuità, e con specifico riferimento alle indicazioni alla comunità italiana che con regolarità vengono assicurate dall'Ambasciata d'Italia a Tokyo, la Farnesina informa che prosegue - attraverso l'Unità di Crisi - il costante coordinamento con l'Alitalia per assicurare ai connazionali che non abbiano imprescindibili ragioni per rimanere la possibilità di lasciare, anche temporaneamente, il Paese". È quanto si legge in una nota del Ministero degli Esteri.
12:11 - Nucleare, anche la Cina fa un passo indietro - La Cina ha deciso di sospendere il processo di approvazione per le sue centrali nucleari, ponendo anche un freno ai progetti di espansione, oltre a stabilire nuovi e maggiori controlli dopo quelli già effettuati nei giorni scorsi. E' quanto emerso durante la riunione dell'esecutivo presieduto dal premier Wen Jiabao, riferisce l'agenzia Nuova Cina.
12:10 - Governatore Fukushima: "La gente è inquieta e arrabbiata" - Gli abitanti della prefettura di Fukushima, dove si trova la centrale nucleare danneggiata dal devastante terremoto/tsunami che venerdì ha devastato il Giappone nordorientale, sono inquieti e arrabbiati per la situazione a cinque giorni dal sisma. L'ha affermato il governatore Yuhei Sato. "L'inquietudine e la collera del popolo di Fukushima è al suo massimo", ha sottolineato Sato, pur ringraziando per la "soliderietà verso le persone che sono state sfollate" il Giappone nel suo complesso. In un raggio di 20 km dalla centrale, almeno 200mila persone sono state evacuate.
11:51 - Nucleare, un economista: “Fra 15 anni avremo meno atomo” - "L'Europa ha bisogno del nucleare, ma l'apporto è destinato a diminuire sulla produzione totale di energia entro i prossimi 10 o 15 anni". L'analisi è dell'economista Richard Norgaard, dell'Energy and Resource Group. Intervistato dalla Stampa, il professore di Berkeley spiega che il Vecchio Continente "necessita di una revisione delle politiche energetiche, così come il resto del mondo. Ciò che é successo in Giappone - aggiunge - è un monito per tutti sui rischi legati al nucleare". Per Norgaard è auspicabile che i Paesi europei avviino "un esame degli aspetti legati alla sicurezza, chiudano gli impianti a rischio e concentrino gli investimenti su centrali più moderne". A suo avviso occorre inoltre per i prossimi decenni "investire nelle fonti rinnovabili e pulite".
11:46 - Sarkozy chiede riunone G20 su opzioni energetiche - Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, convocherà una riunione del G20 - del quale la Francia ha la presidenza di turno - per discutere delle opzioni energetiche dopo il disastro in Giappone.
11:45 - Gb, governo ordina stress test su tutti gli impianti - Il governo britannico ha ordinato stress test sulle nove centrali nucleari del Regno Unito dopo il disastro in Giappone, in una mossa che potrebbe preludere a una pausa nella costruzione di impianti di nuova generazione. Chris Huhne, il minstro dell'energia che prima di salire al governo era contrario alla costruzione di nuovi reattori, ha detto in Parlamento che, dopo l'incidente di Fukushima, "c'é il rischio" che gli investitori siano dissuasi dall'investire nella costruzione di nuove centrali.
11:44 - L'annuncio della Croce rossa: "Tokyo è sicura" - La Croce rossa internazionale ha reso noto che Tokyo è sicura e che gli stranieri possono recarsi lì.
11:40 - Francia: "Reattore 4 è la principale preoccupazione" - La vasca che contiene il combustibile esausto del reattore numero quattro costituisce la "principale preoccupazione" per i tecnici al lavoro nella centrale giapponese di Fukushima, dato il rischio di contaminazione radioattiva "direttamente nell'atmosfera": lo affermano gli esperti dell'Authority francese per la Sicurezza Nucleare (Asn). Il livello del liquido che riempie la vasca sta infatti calando progressivamente, fatto che potrebbe portare a un'esplosione in grado di disseminare direttamente nell'atmosfera delle scorie radioattive. L'Asn giudica inoltre "preoccupante" la situazione del reattore numero tre, la cui capsula di contenimento potrebbe essere danneggiata; simili timori esistono anche per il reattore numero due mentre il reattore uno appare invece ancora integro.
10:59 - Oms: "Nessuna prova che le radiazioni si siano propagate all'estero" - "Non ci sono prove che le radiazioni fuoriuscite dalla centrale giapponese si siano propagate all'estero". Questa la dichiarazione di Michal O'Leary, rappresentante in Cina dell'organizzazione mondiale della sanità (Oms), in un comunicato diffuso stamattina a Pechino. "L'Oms vuole assicurare i governi e i cittadini che non si sono prove della diffusione. Invitiamo tutti a non credere e fermare le voci che circolano via sms su pericoli di diffusione delle radiazioni, che hanno il solo scopo di essere nocivi alla morale pubblica". Ieri e oggi sono circolati sui cellulari cinesi diversi messaggi che, riprendendo false notizie, parlavano di pericoli di radiazioni in Cina invitando a comprare medicinali iodati, impermeabili per le piogge acide e a restare in Casa. Messaggi apparsi anche su internet, dove diversi motori di ricerca cinesi hanno bloccato la ricerca delle parole "fuga nucleare" per evitare il diffondersi di notizie false e di paura.
10:51 - Sisma, le assicurazioni pagheranno comunque i danni - Le società assicurative giapponesi hanno deciso di pagare la liquidazione delle assicurazioni a beneficio dei privati, anche quando nel contratti sia riportata la dicitura "non potrebbe essere liquidata in caso di terremoto e tsunami". Lo scrive il sito internet dell'Asahi shinbun. In molti s'erano chiesti se le società avrebbero fatto lo stesso passo che avevano già fatto in occasione del terremoto di Kobe del 1995, quando liquidarono tutti i casi. La decisione è stata presa dalla Lega giapponese assicurazioni, che riunisce i 45 principali gruppi assicurativi dell'Arcipelago.
10: 47 - Lavoratori rientrano nell'impianto di Fukushima - Ai lavoratori della centrale nucleare di Fukushima 1 è stato consentito di rientare nell'impianto, dal quale erano stati fatti allontanare per un'improvvisa impennata nel livello delle radiazioni: lo ha annunciato un portavoce della 'Tepco', la compagnia elettrica nipponica che gestisce il complesso. La temporanea evacuazione è durata in tutto circa tre quarti d'ora. Il portavoce ha precisato che si era trattato di un falso allarme. In realtà il tasso di radioattività si era alzato davvero, per poi però ridursi altrettanto bruscamente.
10:43 - Nuovo incendio al teattore numero 4 - Un nuovo incendio si è sviluppato al reattore n. 4 della centrale nucleare giapponese di Fukushima, a poche ore da un'esplosione che già aveva provocato un primo incendio. Lo ha comunicato la Tepco, l'ente gestore dell'impianto.
10:35 - Spagna rivede la sicurezza delle sue centrali - Dopo i disastri nucleari in corso in Giappone, in seguito al devastante sisma dell'11 marzo, la Spagna ha intenzione di rivedere la sicurezza delle sue centrali. Sono sei gli impianti nucleari presenti nel paese iberico. Madrid, per voce del ministro dell'Industria Miguel Sebastian, ha annunciato che li controllerà tutti e lancerà uno studio sui rischi sismici e sulle inondazioni possibili nel paese.
10:30 - Fukushima, radioattività impedisce volo elicotteri - La forte radioattività presente sulla centrale nucleare di Fukushima, fortemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso, impedisce agli elicotteri anti-incendio di avvicinarsi al reattore 4, che deve esser raffreddato per evitare il rischio di fusione: lo riporta la televisione di Stato nipponica, la Nhk.
10:22 - Il governo giapponese: "Niente rischi a 20/30Km dalla centrale" - Le radiazioni oltre un raggio di 20-30 km dalla centrale di Fukushima n1 non costituiscono "immediato rischio per la salute". Lo ha detto il portavoce del governo, Yukio Edano.
10:21 - Toyota riprende produzione di parti auto - La casa automobilistica Toyota ha annunciato oggi che farà ripartire domani la produzione di parti di auto in Giappone, sospesa dal sisma/tsunami che venerdì ha devastato il nordest del Giappone. Restano invece chiuse le fabbriche che assemblano le automobili. "Siamo pronti a riprendere la produzione in sette impianti, che forniranno le parti a uso di automobili già sul mercato", ha spiegato il portavoce di Toyota Paul Nolasco. Lunedì 21 marzo, inoltre, questi impianti riprenderanno a fabbricare le parti destinate agli impianti di assembleaggio. Le altri 15 punti di produzione della Toyota nell'Arcipelago restano chiusi a tempo indeterminato.
10:20 - Danni a 70% barre combustibile, sale il rischio emissioni - Circa il 70% delle barre di combustibile dei reattori 1 e 2 della centrale giapponese di Fukushima-1 sono state lesionate dall'eccesso di calore a seguito della crisi dei sistemi di raffreddamento dopo il sisma di venerdì. Lo ha riferito oggi l'ambasciata italiana a Tokyo in una comunicazione rivolta ai connazionali e pubblicata sul suo sito internet. "Dall`analisi delle radiazioni contenute nel liquido di raffreddamento dei reattori 1 e 2 - spiega la comunicazione - i tecnici hanno potuto stimare che la percentuale delle barre di combustibile contenute all`interno del reattore e lesionate dall`eccesso di calore di decadimento e` aumentata al 70%, con progressivo aumento del rischio di emissione".
10:13 - Durante fuoruscita fumo, picco radioattività - Nella centrale nucleare Fukushima-1, danneggiata dal terremoto/tsunami che venerdì ha devastato il nordest del Giappone, stamani s'è verificato un picco del tasso di radioattività in concomitanza con la fuoruscita di fumo bianco dal reattore numero 3. L'ha affermato il portavoce del governo Yukio Edano, secondo quanto riportato dalla televisione TBS. Il tasso di esposizione radioattiva è salito da 810,3 microsievert delle 10 del mattino (ore 2 in Italia) a 6,400 microsievert alle 10.45, per salire ancora a 10.800 microsievert dopo mezz'ora. In seguito la radioattività ha ripreso a scendere, attono a 1.500 microsievert. Edano, in seguito, in conferenza stampa ha spiegato che l'emissione, durata un tempo breve, "non è tale da avere effetti sulle persone" nei dintorni dell'impianto e per questo ha chiesto di mantenere la freddezza.
10:10 - Voli Alitalia regolari, da giovedì spostati a Osaka - A partire da domani, analogamente a quanto già fa Lufthansa e a quanto faranno altre compagnie aeree europee, l'Alitalia manterrà tutti i suoi voli operativi sul Giappone. Tuttavia i predetti voli non saranno operati da Tokyo Narita, bensì trasferiti ad Osaka. I passeggeri prenotati quindi sui voli Alitalia da Narita dovranno da domani recarsi all`Aeroporto internazionale di Osaka con i mezzi di trasporto disponibili, peraltro al momento pienamente operativi. Chi ha previsto di viaggiare con Alitalia a partire da domani dovra`, suggersice l'ambasciata, approfittare dell`attuale situazione di normalita` della linea Shinkansen per recarsi gia` oggi ad Osaka, se necessario pernottandovi fino al giorno di partenza del volo.
10:09 - Ministro russo, il petrolio andrà a 150/200 dollari a barile - Alexiei Kudrin, ministro delle Finanze della Federazione russa, uno dei massimi produttori di petrolio al mondo, ha previsto che a causa dell'incidente alla centrale atomica giapponese di Fukushima il prezzo del greggio potrebbe avere una breve fiammata speculativa sui "150-200 dollari al barile". Lo riferisce l'agenzia russa Itar-Tass. Considerando la "crescita del deficit energetico" che "credo abbia carattere temporaneo", ha detto il ministro a una Conferenza dell'Associazione delle banche regionali russe, le "prospettive di crescita" del prezzo del petrolio "potranno arrivare fino a 150-200 dollari al barile". "Questo aumento - ha detto ancora Kudrin - potrebbe avere carattere speculativo ed essere di breve durata".
9:56 - Cina censura su blog termine "fuga radioattiva" - Le autorità cinesi hanno censurato la ricerca del termine "fuga radioattiva" dai principali siti blog del Paese, probabilmente per frenare la propagazione di voci e timori legati all'incidente in corso nella centrale giapponese di Fukushima. Sebbene il Ministero degli esteri cinese abbia assicurato che nessun livello di radioattivtà anomalo sia stato registrato finora nel Paese, non sono mancate su internet o via sms le voci che consigliano di non uscire di casa in caso di pioggia, di indossare abiti protettivi e di mangiare alimenti ricchi di iodio, che si pensa impedisca alle particelle radioattive di fissarsi sulla tiroide.
9:50 - Stop a import cibi, Coldiretti: “Vale 13 milioni” - Vale 13 milioni di euro il blocco delle importazioni di cibi dal Giappone con data successiva all'11 marzo, giorno del terremoto, deciso per motivi precauzionali dal ministro della Salute Ferruccio Fazio. Sono i 'conti' fatti dalla Coldiretti, nel sottolineare che gli arrivi di prodotti agroalimentari dal Giappone sono limitati per un importo che nel 2010 ha raggiunto solo i 13 milioni di euro, lo 0,03% dell`import agroalimentare totale nazionale, anche perché i ristoranti giapponesi in Italia si approvvigionano di pesce sul posto. “Le importazioni - sottolinea la Coldiretti - riguardano per ben 3 milioni di euro piante e fiori che non sono destinate a fini alimentari mentre si rilevano arrivi praticamente irrisori, nell`ordine, di semi oleosi, bevande alcoliche, oli vegetali, prodotti dolciari, pesce e the”.
9:49 - Bilancio vittime si aggrava: quasi 12mila tra morti e dispersi - Il bilancio del terremoto/tsunami che venerdì scorso ha devastato il nordest del paese s'aggrava sempre più. Secondo i dati diffusi oggi dal dipartimento di Polizia, tra morti e dispersi si è arrivati vicini a quota 12mila. Alle 16 locali (8 del mattino in Italia), erano registrati 3.771 morti tra Tokyo e altre 11 prefetture. I dispersi, in sei prefetture, erano 8.181. I feriti, tra Tokyo e altre 16 prefetture, 2.218.
9:43 - Ambasciatore Italia: "A Tokyo funziona tutto normalmente" - La città di Tokyo "non è spettrale" e anzi "funziona, i negozi sono aperti, la metropolitana pure, e la gente va a lavorare". Lo ha precisato l'ambasciatore italiano in Giappone, Vincenzo Petrone. "La macchina giapponese è inesorabilmente efficace", ha detto il diplomatico italiano, e sta applicando "una prassi dimostrabilmente efficace nel raffreddamento dei reattori". Petrone ha ammesso che "la crisi non è finita" e che ci sono "alti e bassi tutti i giorni" a seconda che si riesca o meno a raffreddare i reattori. Le emissioni di vapore radioattivo "ci sono state", ha detto l'ambasciatore, "e continuano a esserci, ma la buona notizia è che a Tokyo i livelli sono caduti". L'ambasciatore ha ribadito l'invito agli italiani in Giappone "a rientrare in Italia a meno di ragioni impellenti". Tuttavia, ha ricordato, "i connazionali che erano a rischio e relativamente vicino alla centrale sono tutti in assoluta sicurezza: il resto della comunità italiana è abbastanza tranquilla, naturalmente preoccupata da cambi nella radioattività, che ora è tranquillizzante, ma potrebbe cambiare drasticamente".
9:42 - La Turchia apre al nucleare: presto la prima centrale - La Turchia non si ferma di fronte al disastro nucleare in Giappone, e il premier Recep Tayyip Erdogan ha ribadito ai partner russi l'intenzione di procedere con la costruzione della prima centrale nucleare nel sud del paese, zona peraltro a rischio sismico. "Contiamo ora i mesi, o meglio le settimane, per avviare con la Russia il nostro progetto di centrale nucleare ad Akkuyu", ha detto il capo dell'esecutivo di Ankara ieri sera ad un forum di imprenditori turco-russi a Mosca, dove si trova in visita. "Tutto è pronto, lanceremo un programma nucleare con un investimento di 20 miliardi di dollari".
9:37 - La Tepco crolla in Borsa: -25% - Tepco, la società che gestisce l'impianto nucleare di Fukushima, è stata sospesa per eccesso di ribasso alla borsa di Tokyo con un crollo del 25%. In tre giorni la utility Tokyo Electric Power Co. ha distrutto 24 miliardi di valore di mercato con un crollo del 57%.
9:35 - Stabilizzata la temperatura nel reattore n.2 - La temperatura si è stabilizzata e la pressione si è abbassata nel reattore numero 2 della centrale atomica di Fukushima 1, dove ieri si era verificata un'esplosione, suscitando apprensione per possibili danni al nocciolo: lo ha annunciato la compagnia elettrica giapponese 'Tepco', che gestisce l'impianto. Nel frattempo le Forze di Auto-Difesa, cioè l'Esercito nipponico, hanno precisato che sono in tutto quattro gli elicotteri da carico bi-rotore Ch-47 Chinook da impiegare per riversare acqua sul reattore numero tre, dal quale fuoriesce una nuvola di vapore e che si teme abbia riportato lesioni alla vasca di contenimento.
9:11 - Imperatore Akihito: "Prego per sicurezza popolazione" - "Prego per la sicurezza del maggior numero di persone possibile": l'imperatore del Giappone Akihito ha tenuto un discorso televisivo - evento eccezionale per un sovrano nipponico - cinque giorni dopo il violento terremoto e il successivo tsunami che hanno devastato le coste nordorientali del Paese. "In questo momento tutto il Paese è impegnato nelle operazioni di soccorso, non posso evitare di pregare perché il lavoro dei soccorritori progredisca rapidamente e che la vita delle persone migliori sia pure di un poco", ha proseguito Akihito, che si è detto "profondamente preoccupato" dalla situazione in corso nella centrale nucleare di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma.
9:08 - Akihito: "Non sappiamo quante siano le vittime" - Nell'inusuale appariazione televisiva, Akihito ha detto: "Auspico sinceramente che si riesca a evitare che la situazione peggiori ulteriormente". "Il numero delle persone uccise sta crescendo di giorno in giorno", ha quindi osservato Akihito, "e nemmeno sappiamo quante siano state le vittime. Io", ha sottolineato, "prego per la salvezza di quante più persone possibile".
8:48 - Centri europei potrebbero curare vittime radiazioni - Oltre 500 centri europei specializzati nel trapianto di midollo osseo sono stati chiamati a ricevere in caso di necessità delle eventuali vittime degli incidenti in corso presso la centrale nucleare giapponese di Fukushima. L'appello è stato lanciato dal Gruppo europeo per le trasfusioni e i trapianti di midollo (Ebmt), secondo il quale l'ipotesi di lavoro è quella di dover trattare circa 200 persone nel caso le strutture giapponesi non potessero fare fronte a una situazione di emergenza.
8:34 - Wikileaks, la Tepco nel mirino del governo giapponese già nel 2007 - Quando si tratta di terremoti, la Tepco - ente di gestione della centrale giapponese di Fukushima - non gode di buona fama per quel che riguarda la tempestività e la chiarezza delle informazioni. Come riporta il quotidiano spagnolo El Pais, già nel luglio 2007 un sisma di magnitudo 6,8 danneggiò l'impianto di Kashiwazaki-Karuwa, il più grande del mondo con i suoi sette reattori: il primo giorno la Tepco minimizzò i danni per poi ammettere 24 ore dopo che i progettisti non avevano preso in considerazione l'eventualità di un terremoto così potente. La gestione della crisi, secondo quanto risulta dai dispacci diplomatici statunitensi diffusi dal sito di WikiLeaks, suscitò la forte irritazione del governo di Tokyo, e l'allora premier Shinzo Abe criticò il fatto che i rapporti fossero arrivati tardi: "Le centrali nucleari non possono funzionare senza la fiducia dei cittadini, e la rapidità e la trasparenza dell'informazione sono necessarie per ottenere tale fiducia".
8:21 - Wikileaks: "Tokyo sapeva delle centrali a rischio in caso di sisma" - Il Giappone sapeva da oltre due anni che i suoi impianti nucleari non sarebbero stati in grado di reggere l'urto di un potente terremoto. A rivelarlo è un cablogramma Usa diffuso da Wikileaks, secondo cui nel dicembre 2008 un funzionario dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) informò Tokyo che le norme di sicurezza delle sue centrali erano obsolete e che un violento sisma avrebbe posto "problemi seri" agli impianti. Nel documento riportato dal Telegraph si afferma inoltre che le autorità giapponese si opponevano alla sentenza emessa da una corte per chiudere una centrale, perchè ritenuta insicura in caso di sisma. "L'Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare e industriale ritiene che il reattore sia sicuro e che tutti i test di sicurezza siano stati condotti in modo appropriato", riferirono i diplomatici Usa. Nel 2009, Tokyo riuscì a far revocare la sentenza. Il cablogramma riporta anche la denuncia fatta nell'ottobre 2008 da un deputato giapponese ai diplomatici Usa, secondo cui il governo stava "insabbiando" gli incidenti nucleari.
8:05 - La Borsa di Tokyo chiude a + 5,68% - Dopo il risultato negativo di martedì la Borsa di Tokyo trova la forza per il rimbalzo, chiudendo gli scambi con un recupero del 5,68%.
8:04 - Acqua dagli elicotteri sul reattore numero 3 - Le squadre di intervento si stanno preparando a rovesciare acqua dagli elicotteri sul reattore 3 per agevolarne il raffreddamento.
8:02 - Le squadre tornano nella centrale - Il calo della radioattivitaà ha consentito alle squadre impegnate alla messa in sicurezza della centrale di Fukushima di poter tornare al lavoro. Le operazioni di pompaggio di acqua marina nei reattori n. 1, 2, 3 procedono senza intoppi .
8:00 - Obama: "Sicurezza centrali americane va migliorata" -Le autorità statunitensi devono valutare come "migliorare la sicurezza" dei propri impianti nucleari alla luce dell'incidente occorso alla centrale giapponese di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso: lo ha affermato il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. "Le centrali sono progettate per resistere a un determinato livello sismico, ma detto questo nulla è sicuro al 100%", ha dichiarato Obama, intervistato dalla rete televisiva Cbs: "Ogni volta che accade un simile evento penso che sia importante per noi esaminare il modo più adatto per migliorare la sicurezza" degli impianti, ha concluso il Presidente.
7:20 - Fukushima, Tokyo pronta a chiedere assistenza Usa - Il governo giapponese è pronto a richiedere ufficialmente l'assistenza delle forze armate statunitensi per evitare una catastrofe nucleare nella centrale di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso. "La cooperazionme statunitense potrebbe essere utile" sul sito di Fukushima, ha spiegato il portavoce del governo giapponese, Yukio Edano, sottolineando come le forse statunitensi stiano già fornendo un sostegno logistico attraverso le unità della VII flotta.
7:18 - Stop all'import di cibo dal Giappone - Il Ministro della salute Ferruccio Fazio ha disposto il blocco delle importazioni di cibi dal Giappone (pesce e verdure lavorate) con data successiva all'11 marzo. Lo ha annunciato durante la trasmissione Porta a Porta.
7:15 - La capsula del reattore 3 potrebbe aver perso la propria integrità - La capsula di contenimento del reattore numero tre della centrale nucleare giapponese di Fukushima - gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso - potrebbe essere non più integra: lo hanno reso noto fonti del governo di Tokyo. Ciò spiegherebbe, secondo le fonti, la nube di fumo innalzatasi presso il reattore, che sarebbe stata provocata dal vapore fuoriuscito dalla capsula.
7:12 - Nuovo incendio a reattore numero quattro - Un nuovo incendio è scoppiato nella centrale nucleare giapponese di Fukushima, gravemente danneggiata dal sisma di venerdì scorso. Le fiamme sono divampate presso il reattore numero quattro per poi spegnersi da sole, secondo quanto reso noto dall'agenzia per la sicurezza nucleare nipponica, che non ha rilasciato ulteriori dettagli.
7:11 - Tokyo, forte scossa di magnitudo 6 - Una forte scossa di terremoto di magnitudo 6 è stata avvertita nella zona orientale di Tokyo, dove gli edifici hanno tremato a lungo. Secondo i dati forniti dall'Agenzia Meteorologica giapponese l'epicentro era localizzato al largo della prefettura di Chiba, a una profondità di appena 10 chilometri: non si hanno notizie di vittime o danni né è stato dichiarato alcun allarme tsunami.     BY UN ARTICOLO DI TISCALI

Con tag news

Commenta il post